Gli italiani stanno rispettando le regole

L’unico modo per capire se i cittadini italiani stanno rispettando le misure restrittive previste dal Governo per il contenimento della pandemia è fare affidamento ai dati pubblicati quotidianamente dal ministero dell’Interno.

Nelle ultime settimane le attività di controllo delle forze di polizia si sono intensificate. Sono centinaia di migliaia i controlli effettuati quotidianamente.
Ogni giorno il ministero dell’Interno pubblica una tabella nella quale viene indicato il numero delle persone e delle attività o esercizi commerciali controllati sul territorio nazionale il giorno precedente. Accanto al numero delle persone controllate il Viminale rende noto il numero delle persone sanzionate ex art. 4, comma 1, d.l. 25.03.2020, n. 19 (mancato rispetto delle misure di contenimento) o denunciate ex art. 495 e 496 codice penale (falsa attestazione o dichiarazione a P.U. / false dichiarazioni sulla identità o su qualità personali proprie o di altri) oppure ex art. art. 260 r.d. 27.07.1934 n. 1265 (inosservanza del divieto assoluto di allontanarsi dalla propria abitazione o dimora per le persone in quarantena perché risultate positive al virus).

I dati sono disponibili dall’11 marzo 2020.
Il trend del numero dei controlli effettuati quotidianamente è in crescita. Col passare delle settimane sono stati effettuati sempre più controlli.
La somma delle persone controllate dall’11 marzo al 13 aprile è 7.228.571.
La somma delle persone sanzionate/denunciate è 286.599. Ovvero il 3,96% delle persone controllate.

persone controllate e persone sanzionate
grafico 1: persone controllate e persone sanzionate (11 marzo – 13 aprile)

Se analizziamo la percentuale di persone sanzionate sul totale delle persone controllate per ogni giorno, è ancora più evidente che solo una piccola percentuale di persone controllate non ha rispettato le norme ed è uscita di casa senza una giustificazione prevista dalle norme. (grafico 2)
La percentuale sanzionati/controllati non supera mai il 6,5%.

% sanzionati_controllati (1)
grafico 2: % sanzionati/controllati

Veniamo ai giorni di Pasqua.
La somma delle persone controllate la vigilia di Pasqua (11 aprile), il giorno di Pasqua (12 aprile) e il giorno di Pasquetta (13 aprile) è 746.430. Nello stesso periodo, le persone sanzionate/denunciate sono state 43.208. Il 5,79%.

La narrazione (Repubblica e Corriere, i grandi quotidiani nazionali hanno enfatizzato e non poco le sanzioni ai trasgressori) degli ultimi giorni per cui gli italiani non stanno rispettando le misure restrittive di contenimento della pandemia è falsa. Come testimoniano i dati del ministero dell’Interno, la stragrande maggioranza delle persone controllate è uscita di casa per una valida motivazione.
Il titolo “è boom di trasgressioni: 14 mila sanzionati” è più conveniente – in termini di clic, quindi visualizzazioni, quindi ricavi – del titolo “il 95% dei controllati è in regola“.
Lo capisco.

Si fermi la caccia al trasgressore (a proposito, guardate questo video andato in onda ieri a Pomeriggio5, che schifo. Dite voi: è Pomeriggio5, mica Superquark).

La responsabilità dei dati del contagio che stentano a migliorare non può essere attribuita in maniera generica e superficiale agli italiani poco inclini a rispettare le regole. Così è fin troppo comodo.
Per gli italiani, che hanno trovato il nuovo nemico.
Per i governanti, che hanno trovato il responsabile a cui addossare i propri errori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...