Perché Locri ha vinto il premio Asmenet "TrasparEnte"

Già ieri, durante il primo consiglio comunale dopo le elezioni amministrative del 10 giugno, il sindaco di Locri Giovanni Calabrese aveva annunciato che oggi il segretario comunale, nonché Responsabile Anticorruzione e Trasparenza del Comune di Locri, dott. Domenico Libero Scuglia si sarebbe recato a Lamezia a ritirare il premio Asmenet “Comune TrasparEnte”.
Oggi anche il comunicato divulgato dall’Ufficio Stampa del sindaco informava che «venerdì 29 giugno il Segretario Generale del Comune di Locri, dott. Domenico Libero Scuglia, in qualità di referente dei servizi CST e di responsabile anticorruzione e della trasparenza del Comune di Locri, ritirerà il riconoscimento Asmenet che fa di Locri il primo Comune in provincia di Reggio Calabria per trasparenza e innovazione.»
Il comunicato riportava anche parole di soddisfazione del sindaco: «la Trasparenza è un nostro vanto, e questo premio conferito, per la prima volta, ci onora – conclude Calabrese – siamo fieri di portare alta la bandiera non solo della trasparenza amministrativa ma anche quella della legalità, “senza se e senza ma”, come persone prima ancora che come politici e amministratori».

Asmenet «ogni anno premia i comuni che hanno conseguito i maggiori punteggi nel rendere disponibili i servizi on-line sviluppati dal Centro Servizi Territoriale e che si sono contraddistinti per realizzare concrete azioni di Innovazione e Trasparenza amministrativa. La classifica dei Comuni è redatta sulla base di un monitoraggio dei siti istituzionali che viene effettuato nell’arco dei 15 giorni precedenti il convegno. Viene premiata, per ciascuna provincia, l’amministrazione che ha conseguito il punteggio più alto».

Il regolamento 2018 (che pare diverso da quello riportato nel comunicato stampa) presente sul sito di Asmenet prevede la creazione di due classifiche per due sezioni separate.
La sezione A “Trasparenza e legalità sul web” e la sezione B “Comuni Innovatori”.
Il comune di Locri si è classificato al primo posto nella provincia di Reggio Calabria nella classifica della sezione A, “premio comune TrasparEnte”.


Come viene costruita la classifica?
Innanzitutto la partecipazione è riservata ai comuni non capoluogo della Regione Calabria.
Per quanto riguarda i criteri di assegnazione del punteggio, il regolamento afferma che «Sono stati considerati i seguenti criteri: 1) La classifica della trasparenza dei siti web pubblicata sul sito di Bussola PA che verifica il rispetto dei nuovi adempimenti del Decreto legislativo n.33/2013 e s.m.i, sui siti web delle PA; 2) Il dettaglio dell’esito delle comunicazioni dei dati XML, ai sensi dell’art. 1 comma 32 Legge 190/2012, pubblicato sul registro comunicazioni dell’ANAC; 3) L’attivazione del portale per le Segnalazioni di illecito – Whistleblowing alla luce della Determinazione ANAC n. 6 del 28 aprile 2015, ha emesso le “Linee guida in materia di tutela del dipendente pubblico che segnala illeciti (c.d. whistleblower)”.»

Sono quindi 3 i criteri.
L’ultimo criterio riguarda l’attivazione di un “bottone” per le segnalazioni di un illecito all’interno di una organizzazione pubblica, presente in fondo alla home del sito del Comune di Locri .
Il secondo criterio ha a che vedere con la trasmissione – da parte delle stazioni appaltanti all’Autorità Nazionale Anti Corruzione – di alcune informazioni riguardanti i bandi (la struttura proponente; l’oggetto del bando; l’elenco degli operatori invitati a presentare offerte; l’aggiudicatario; l’importo di aggiudicazione; i tempi di completamento dell’opera, servizio o fornitura; l’importo delle somme liquidate).

Il primo criterio, invece, fa riferimento alla classifica della trasparenza pubblicata su bussola.magellanopa.it, che è un portale promosso dal Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione – Dipartimento della Funzione Pubblica.
La Bussola, però, «monitora soltanto la struttura dei siti web delle pubbliche amministrazioni, ovvero la presenza all’interno dei siti delle sezioni previste dalla legge (es. Bandi di gara e contratti) e la loro articolazione secondo lo schema normativo. Non è, invece, analizzata la presenza delle informazioni all’interno delle varie sezioni e sotto-sezioni.»

Cercando «Comune di Locri» sul Portale, infatti, la «Bussola della Trasparenza» ci mostrerà le sezioni presenti o assenti nella sezione «Amministrazione Trasparente» del sito del Comune di Locri. Faccina verde o faccina rossa.
Ma nulla ci dice circa la presenza o l’assenza dei dati previsti dalla normativa.
Se queste sezioni fossero presenti sul sito ma vuote (cioè se non fosse stato pubblicato nemmeno un dato), la faccina sarebbe comunque verde.
E la Bussola lo dice chiaramente.

E’ vero che rispetto a un anno fa sono stati fatti passi da gigante, grazie al segretario comunale e grazie al nuovo software acquistato dalla Ditta PA33 srl con determina n.124 del 2016.
L’interfaccia grafica è migliorata e sono stati inseriti dati (previsti dalla legge) che fino a poco tempo fa non erano presenti.

Ma, tranquilli, il Comune di Locri non è diventato improvvisamente campione di trasparenza.

Ognuno è libero di accontentarsi di una classifica che guarda alla forma e non alla pubblicazione o meno dei singoli dati, ma a mio parere per «portare alta la bandiera della trasparenza amministrativa» non basta soltanto questo.
Dati mancanti ancora ce ne sono, e, per esempio, chi ha seguito i post sui curricula dei consiglieri comunali ne sa qualcosa (puntata 1, puntata 2, puntata 3).

E che la sezione «Amministrazione Trasparente» sia ancora incompleta lo ha attestato anche l’OIV (Organismo Indipendente di Valutazione) nell’attestazione del 31 marzo di quest’anno. Nella griglia allegata all’attestazione, infatti, l’OIV ha verificato la presenza o l’assenza – sì, l’OIV sì – nella sezione «Amministrazione Trasparente» del sito del comune di Locri dei dati previsti dalla normativa.

Per questo, e non per altro, il Comune di Locri ha vinto il premio Asmenet “Comune TrasparEnte”.


📣Iscriviti al canale Telegram: clicca qui!
📣Segui il blog su Facebook: clicca qui!

💳 Fai una donazione: clicca qui!