Unicalmagica, Notte dei ricercatori 2016

Il mondo Unical si sveglia alle nove e mezza del mattino e va a dormire a notte inoltrata. Una miscela di suoni, colori e giovani.
Un mix vincente che da anni fa del Campus all’americana di Arcavacata, per una notte, il centro della Calabria.
E’ la Notte dei Ricercatori 2016.

Si inizia la mattina con più di 110 visite nei laboratori sparsi nei quattordici dipartimenti.
Negli occhi dei ragazzi delle scuole elementari, medie e dei licei, provenienti da tutta la Calabria, che popolano il ponte Pietro Bucci, si leggono curiosità e voglia di imparare.
Fanno domande, tante domande, ai ricercatori che per un giorno fanno da Cicerone e spiegano, a ogni piè sospinto, l’importanza della Ricerca e dei relativi fondi che, dicono, ahinoi, scarseggiano sempre più d’in anno in anno.
Dal dipartimento di Fisica a quello di Ingegneria Informatica, dal simulatore virtuale in 3D agli esperimenti di chimica passando per i tantissimi convegni come quello sui terremoti curato da INGV o quello sull’economia regionale.
Lungo il Ponte gli stand attrezzati per presentare i risultati e i prodotti delle attività di ricerca dei dipartimenti e quelli delle imprese, le quali trovano, nell’Università della Calabria e nei suoi studenti, partner ideali per capitalizzare le idee più innovative e i talenti.
A metà ponte tra gli artisti di strada e i salti dei Parkour Team che si divertono e fanno divertire, brilla nella sua bellezza Aetos, la monoposto progettata da Unical Reparto Corse che nella prova di Varano, tenutasi a fine luglio nell’ambito della formula SAE Italia, ha centrato il quarto posto nelle prove dinamiche, terzo posto invece per velocità.
Terzo posto anche nel design della vettura. Un vanto, l’ennesimo, per il microcosmo Unical se si considera che ad attribuire il riconoscimento è stato Aldo Costa, ex progettista Ferrari, ora responsabile del Progetto e Sviluppo della squadra di Formula 1 Mercedes.

Il pomeriggio si apre con il flash mob a cura della scuola di danza Castriota poi, alle 18, i Presi per caso in piazza Vermicelli.
La serata inizia alle 20 con il giro di banda per poi continuare con i più attesi, Emanuele Aceto prima, meglio conosciuto come Eman, catanzarese classe ’83, Tommaso Zanello poi, in arte Piotta, rapper romano.
Eman, come al solito, fa esplodere di gioia gli studenti che nel giro di poche ore hanno letteralmente riempito la piazza adiacente il Teatro Auditorium.
C’è un feeling particolare tra il ragazzo, che frequentava il Campus e che abitava a pochi metri da dove ieri sera ha cantato per circa un’ora, e quei ragazzi che invece frequentano oggi l’Università della Calabria, suoi coetanei.
In meno di un anno è stato all’Unical tre volte e tre volte ha regalato performance di rilievo, complice quel feeling difficile da spiegare.
Subito dopo c’è Piotta che per un’ora o poco più intrattiene i giovani, anima e cuore del Campus.
Chiude, solo formalmente, la Notte dei Ricercatori 2016 il giro di banda.

La Notte dei Ricercatori è il Capodanno, il Natale, il compleanno o la festa di paese del mondo Unical.
E’ nello stesso istante cultura e divertimento, insegnamento e stupore, Ricerca e musica, orgoglio e gioia.


📣Iscriviti al canale Telegram: clicca qui!
📣Segui il blog su Facebook: clicca qui!

💳 Fai una donazione: clicca qui!